Installare Docker su Ubuntu 14.04, 15.10 e 16.04

Questa guida segue l’articolo introduttivo che ho scritto qualche giorno fa.
Si tratta di un’installazione piuttosto standard; per installazioni più complesse o su altri sistemi operativi vi rimando alla documentazione ufficiale.
Nel momento in cui scrivo la versione che verrà installata è la 1.9.1, su GitHub potete trovare le note di rilascio.

installare docker

Docker and friends 🙂

Prerequisiti

Per funzionare Docker richiede un sistema operativo a 64 bit, per cui questa procedura non funzionerà se il vostro è ancora a 32 bit. Per testarlo digitate:

Se l’output è qualcosa del tipo x86_64 o amd_64 state operando a 64 bit, quindi potete procedere con il prossimo passo.

Controllate che il kernel sia almeno alla versione 3.10:

che vi dovrebbe restituire un output di questo tipo:

Il prossimo passo non è strettamente necessario, ma vi permetterà di sfruttare lo storage driver ausf contenuto nel pacchetto linux-image-extra (è molto facile che sia già installato nel vostro sistema):

Ora siete pronti a partire con l’installazione vera e propria.

Installare Docker dal repository ufficiale

Alcune versioni di Ubuntu potrebbero averlo già tra i loro repo, ma non sono più supportati ufficialmente, perciò aggiungeremo quelli ufficiali del team in modo da avere sempre l’ultima versione.
Per prima cosa aggiungiamo la chiave gpg:

Dopodiché bisogna aggiungere l’indirizzo del repo in base alla versione del sistema operativo.

  • Su Ubuntu 14.04
  • Su Ubuntu 15.04
  • Su Ubuntu 15.10
  • Su Ubuntu 16.04 (LTS)

Ora vi basterà aggiornare la cache di apt e installare il pacchetto docker-engine con i seguenti comandi:

Fatto! Adesso non ci resta che testare se funziona correttamente.
Avviate il demone:

Ed infine avviate un’immagine di test:

Questo comando scarica l’immagine di test e la avvia, se tutto fila liscio stampa un messaggino simpatico ed esce.

Configurazioni extra

  • Avvio automatico per Ubuntu 15.04 e successive:
  • Usare Docker dal vostro utente (banalmente evitare di usare sudo per ogni comando):

Spero che la guida vi sia stata utile, nel caso abbiate problemi non esitate a lasciare un commento.